fbpx

Le Corti Di Begio

From the Blog

SPIAGGE DEL SALENTO: UNA MERAVIGLIA TUTTA DA SCOPRIRE

SPIAGGE DEL SALENTO:

SPIAGGE DEL SALENTO, UNA PANORAMICA CHE AIUTI A SCEGLIERE LA LOCALITÀ BALNEARE, ADATTA AD OGNI TURISTA

Pensare di organizzare e vivere una vacanza estiva in Salento, significa avere l’imbarazzo della scelta circa la località balneare da scegliere.

Di spiagge meravigliosamente belle che vale la pena di vedere.

Il Salento ne è fortunatamente pieno.

Per questo, avere la pretesa di voler indicare le spiagge più belle in assoluto del nostro Tacco d’Italia,

limitando ovviamente la scelta a sole poche spiagge, rischia quasi sempre di scontentare qualcuno o tralasciare posti certamente degni di nota.

Una scelta assai difficile, se non addirittura impossibile,

fatta sui 215 km di costa ed almeno su 4 morfotipi costieri diversi e ben distinti.

Si può però, in questo modo offrire al turista che, della destinazione sa ben poco o quasi nulla, una sorta di lista,

o “mappa concettuale” delle note bellezze locali, che possa fare da sovrana nelle caotiche e frettolose giornate.

Ci si pone, quindi, l’obiettivo di offrire al meglio una panoramica esaustiva del litorale salentino che,

a tratti presenta costa rocciosa, in prevalenza piana.

Le più belle spiagge del salentoIl fine ultimo è, appunto, quello di far scegliere al turista il tipo di spiaggia più adatta alle sue esigenze e aspettative, attraverso una breve ma dettagliata carrellata delle straordinarie distese sabbiose del Salento.

Ciò gli permetterà di orientarsi sulla meta migliore per lui e per tutta la famiglia, bambini compresi.

Il parametro utilizzato è la bellezza oggettiva del posto da visitare.  A voi la giusta scelta!

-Come non far tappa a San Gregorio? Si tratta di una piccolissima frazione del comune di Patù,

il più piccolo comune della provincia di Lecce.

Essa merita di essere citata per la particolare bellezza delle insenature e circondata da alta scogliera che regala un tramonto suggestivo dalle varie sfumature e tonalità del rosso.

Qui la scogliera fa da padrona, ma vi è anche una lunga spiaggia.

-Piccole insenature si trovano anche lungo tutta la costa tricasina, bassa e rocciosa,

che abbraccia un’acqua cristallina e trasparente: per cui, una nuotata nelle acque del mare di Marina Serra è consigliatissima.

-Allo stesso modo, va visitata anche Tricase Porto e, in particolar modo, l’antico porto, tutto il borgo,

il castello di fronte al mare e la spiaggetta.

-Quanto a Leuca, non si può non far sosta al “Ciolo”, anche solo per ammirare per qualche minuto,

dal ponte di si erge imponente e che sovrasta l’insenatura, coloro che coraggiosamente amano tuffarsi dalle ripide scogliere.

Qui, inoltre, una spiaggetta dà a chiunque lo voglia, la possibilità di fare comodamente il bagno in questa cornice di roccia e acqua cristallina.

-Nella località marittima di Morciano di Leuca, ossia Torre Vado, vi è una località balneare costeggiata da basse scogliere facilmente accessibile.

Qui è messa in scena una delle più belle torri costriere salentine.

-Dal territorio di Ugento ci si imbatte poi, nelle località di Torre San Giovanni, Torre Mozza e Lido Marini.

Nella prima potrete ammirare la caratteristica costruzione a scacchi bianchi e neri della torre di San Giovanni, appunto, situata nel piccolo porticciolo di pescatori, da cui hanno inizio ben 7 km di larga spiaggia.

Un litorale talmente ampio che permette di trascorrere delle confortevoli e spensierate giornate alla giusta distanza dai lidi più affollati.

Anche Torre Mozza trae il suo nome dalla vicina e relativa torre di avvistamento. Brevemente, questa località è un “posto al sole” vivo, ma non caotico e sovraffollato.

Quanto a Lido Marini, essa chiude e rappresenta al meglio le cosiddette “secche di Ugento”:

tutto il suo tratto di mare è caratterizzato da fondali non particolarmente alti che, fin da tempi antichi ha causato numerosi naufragi.

-In riferimento alle marine di Salve, invece, ve ne sono due degne di nota in cui lo scenario cambia di pochissimo rispetto a quello delle spiagge sopracitate.

Torre Pali presenta una torre diroccata e circondata da acqua, a pochi metri dalla riva.

La seconda, erroneamente, ma non del tutto, è denominata da tempo con l’appellativo di “Maldive del Salento”.

In realtà, non si tratta di un’esagerazione.

La bellezza della spiaggia di Pescoluse è visibile a tutti!

1
Ciao,
Posso aiutarti?
Chiedi un preventivo!
Powered by